CIMG4162
A volte la carta
odora di terra.
L’aria fumacchia.
Frusciando,
anche l’acqua
sembra
bruciacchiare. I
brevi fuochi girini
durano aerei nel
tempo di certe
penombre estive.
Il silenzio chiassò
nel futuro più
prossimo, fino al
chiarore
presente che
langue tra fatti
e boccioli impazienti.
Le luci hanno
adescato piccoli
campi, allora
non sciupano
sotto ai volti dei
giorni delusi. Legni
corredati di nuove
perplessità
corrispondenti a
nuvole forse
disastrate da
novelli venti
CIMG4840
Annunci