Ha un modo così garbato di pregare . Quando chiede pare che abbia il cielo stesso sulle labbra. E da quel cielo infantile si sollevano nuvolette bianche, mentre da qualche parte sembra che qualcuno si sia messo a pizzicare un’arpa. Dora prega e comanda nello stesso tempo. Infatti la preghiera detta bene è sempre una specie di comando irresistibile. Silvia non sa chiedere, è troppo timida, troppo tiepida, non ha il coraggio di farlo, mentre per poter chiedere bisogna avere una grande fiducia in se stessi e negli altri. Chi vuol trovare il bel coraggio di implorare deve essere già fermamente convinto che l’implorazione sarà accolta: Silvia invece non crede nella bontà di nessuno, perché troppo presto e troppo incautamente è stata abituata a ben altro.

Robert Walser, da L’assistente

Annunci