“Sai,

i fiori hanno l’anima

lunga – e credo, numerica”.

#

Sono ritratti di un verbo fiorire

da terre silenziosissime, sono

forme che neanche credi possibili,

#

pensano a colori, quegli altri pensieri.

Ci lasciano fare, abbandonati

accorgendoci talvolta di quei

loro appassionanti segreti.

#

Mistèri rivelati – e non in forme complicate.

Eppure non hanno animate parole,

nonostante tutto il vento raccolto e raccontato

sul loro conto, sul nostro tracciato

#

d’immaginazioni – sai, non se ne può far a meno.

Così, questo fiore si chiama così

e si chiama per te, non lo chiamo così.

#

E non lo raccolgo. Sa raccogliersi da sé

tra sparendo e ovunque sia, altrove, adesso.

Annunci