#
pochi secondi d’accia
io abbandonato qui o
abbonato al seguito di
ieri di contemporaneamente
di suono un suono, uno
*
La casa illumina
l’ansa, la strada
l’incendio.
innanzi, tutto. Il
gatto confina
lungo. Luogo di
albe(e)resine. La
torta dell’aria
poco prima di
ottobre. La
torcia delle dita
per scriverci in
dentro.
**
La coda
#
gli Ispazii

Robert Morris. Observatory. 1977

Angex Lin

Angex Lin

Finché non passa la montagna
finché non passa l’ora //
Un’altra settimana di slancio,
di sbocchi di campana //
Un altro impiegarsi a pieghe
e accodarsi in corde ai grappi//
Un altro sostantivo prima di
un altro tentativo di gravitare//
Un altro lustro del cadere
da un altro brando scomparire//
Finché non passa la sorgente
finché non trascolora il modo//
di non pronunciare che parole
come non avesse rilievo la vite//
investita dal rimpatrio
dell’intero panorama in sé
Tra l’aula
luminosa e il
corridoio passa
un poco, non già
pulviscolo, di
pazzia. Come se
sgorga e si
rimpiazza la vita
sonora. Quella
dentro le forme
musicali che poi
sono onde che
sono dei mari.
CIMG3385

Ben Zank

Ben Zank

C’è un’arma
effettivamente
dolce, che non è
la memoria.
Esponi
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 115 follower