Con attenzione, prendo a leggere. E ri-posto, qui: Antonio Devicienti (dal suo Via Lepsius) su Nadia Agustoni

Coi libri aperti / in una città di qualcuno: su “Lettere della fine” di Nadia Agustoni.

Dove stanno le mani, fra tutto e tutti, sempre a seguire le braccia, le mie gesticolazioni, le articolazioni. Le e, e le o. Per stare intorno alle stesse parole, tra gesti e le azioni, gli articoli prima dei nomi comuni, infatti, quando ho asserito “tutto”, indicavo le cose. E i verbi che hanno le mani a disposizione sarebbero tanti quasi infiniti. Ma ero partito da stare. Per partito preso dalla direzione delle parole di ora (a indicazione). Dove stanno le mani, sto anch’io, e adesso nell’aria di stanza, nel passo e nello smarrimento che chiamo corridoio. Mi gratto i punti colpiti dalle punture d’insetto. Rimango, dove stanno le mani, adesso, intanto

[A questa radio, due artisti che amo molto]

Vanessa Winship

Vanessa Winship

– voli, ancorati all’infanzia (non all’indietro) –

11055286_10153419117353704_1054520996693781663_n

alla serie di esplosioni e combinazioni di climi e parole senza nomi

Dorothea Lange

Dorothea Lange

Pur negandosi ai più, la stagione estate ha una lunga didascalia di nostalgie.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 195 follower